22 giugno 2006

Voigtlander Virtus


Contemporanea della Prominet 6x9 fu prodotta in circa 10.000 esemplari dal 1933 al 1935.
Era all'epoca decisamente più economica rispetto alla precedente. Poteva montare lenti Skopar o Heliar e gli otturatori erano sia Embezet (riconoscibile per la rotellina sopra la lente) o il compur. Usava pellicola 120 per il formato 6x6. Da notare che tutti i modelli presentavano la V di Voigtlander su sfondo blu e giallo (i colori della marca) invece che la scritta per esteso. Fu la prima macchina a montare il mirino parallelo all'obbiettivo, questo dava la possibilità di inquadrare esattamente l'immagine come sarebbe stata poi impressionata nella pellicola.
I primi modelli (decisamente più rari) avevano il piedino per tenerle dritte a scomparsa laterale simile a quello delle Perkeo 3x4 mentre la seconda serie ha il piedino che esce dallo sportello frontale.

La mia collezione è composta da due modelli:
Virtus con lente Skopar 4,5-75 e otturatore Compur 1-1/250 (primo tipo)
Virtus con lente Skopar 3,5-75 e otturatore Compur 1-1/250
Virtus con lente Skopar 4,5-75 e otturatore Embezet 1-1/100

8 Comments:

Blogger rosso fragola said...

bellissime queste macchine, guardarle evoca immediatamente l'idea di un passato ricco di fascino e passione.
Adoro le foto, ne farei all'infinito. Adesso poi, ccon il digitale non c'è più la spesa del rullino e le stampe hanno costi del tutto accettabili, così...Foto a volontà.
A dire il vero quelle che preferisco restano in ogni caso quelle realizzate con la mia Yashica, assolutamente tradizionale, splendido aggeggio regalatomi da mio marito, che ancora non ho imparato del tutto ad usare.
La fotogenia però resta per me un mistero...E visto che non sono affatto fotogenica, ed un pochino me ne dispiace, evito accuratamente di presenziare, o meglio deturpare, una qualsiasi foto!
Ciao!

9:56 PM  
Blogger luca said...

La pellicola, soprattutto se 6x6, ha sempre più fascino che il digitale.... purtroppo però al giorno d'oggi tendiamo più alla velocità che alla qualità. Anch'io mi sto arrendendo al digitale, ho appena acquistato una Sigma sd9 con sensore X3 che sostituirà la mia gloriosa Nikon F55.

9:04 AM  
Blogger Lucia said...

dopo che le hai fotografate tutte le vendi e compri un collier a tua moglie??(nn so manco se si scrive così!)
ihihihihi baciottino

4:24 PM  
Blogger luca said...

Ti piacerebbe!!
piuttosto ti compro un set di bicchieri...che ne abbiamo pochi

4:36 PM  
Blogger Lucia said...

scoretto!!

11:13 AM  
Anonymous domenico said...

salve sig luca io ne posseggo una identica alla sua volevo chiederle se lei sa quanto può costare ?

8:53 PM  
Blogger luca said...

Per Domenico, ciao questa fotocamera puo' valere dai 100 ai 250 euro a seconda della lente, il modello (si riconosce dal piedino), lo stato generale estetico e meccanico, se ha o meno il laccetto e infine se ha scatola e istruzioni.
Se vuoi una valutazione più accurata mandami più foto possibile a lucanicotri@gmail.com e te la valuto.

9:27 PM  
Anonymous domenico said...

sig. luca voglio ringraziarla per la sua risposta. riguardo alle foto cerchero a mandagliele al più presto. saluti

10:14 PM  

Posta un commento

<< Home